Toscana - La Val d'Orcia e dintorni

PARTENZE GARANTITE 16/18 Ottobre

Se sei un capogruppo che organizza viaggi, rivolgiti alla tua agenzia viaggi di fiducia e chiedi di Itermar, se sei una agenzia viaggi, chiedi informazioni compilando il seguente modulo



1° giorno – MONTEPULCIANO - CHIANCIANO

Ritrovo dei partecipanti nel primo pomeriggio e partenza in bus per Montepulciano in Val di Chiana. Visita con guida della cittadina medievale dove l’imponenza dei palazzi rinascimentali e la bellezza delle sue chiese si intrecciano con l’antica tradizione dei suoi vini. Circondata infatti da vigneti, è conosciuta per il suo vino rosso Nobile. Da Montepulciano, inoltre, si gode di un favoloso e sconfinato panorama sulla Val d’Orcia e la Val di Chiana. Poco fuori del borgo di Montepulciano il Tempio di San Biagio, uno dei capolavori dell'architettura rinascimentale italiana, realizzato tra il 1518 e il 1548 su progetto di Antonio da Sangallo il Vecchio che prese a modello la basilica di Santa Maria delle Carceri a Prato, con la sua pianta centralizzata a croce greca ripresa dal Brunelleschi. In serata cena/degustazione in una fattoria del luogo con prodotti tipici della tradizione agricola e culinaria della Toscana. Al termine trasferimento in hotel a Chianciano/dintorni. Sistemazione nelle camere e pernottamento.


2° giorno – ABBAZIA DI SANT’ANTIMO – MONTALCINO - SAN QUIRICO D’ORCIA - PIENZA

Prima colazione in hotel e partenza per escursione di intera giornata con guida. Visita dell’Abbazia di Sant’Antimo, bellissima ed evocativa abbazia romanica risalente al XII secolo. Il percorso che si dirama attraverso le tortuose vie di campagna e conduce al monastero, è un vero piacere per lo sguardo: vigneti, oliveti, verdi colline, e casali isolati qua e là. L'abbazia, in splendido travertino, si erge isolata su una radura circondata da alberi d'olivo secolari. Secondo la leggenda l'abbazia fu fondata da Carlo Magno nel 781. Il re e la sua armata si fermarono qui sulla via del ritorno da Roma perché i soldati erano afflitti da una pestilenza sconosciuta. Un angelo apparve a Carlo Magno, dicendogli di far bere ai suoi soldati un infuso preparato con un erba del luogo. La cura funzionò e l'esercito fu salvo, il re decise così di costruire la chiesa come segno di ringraziamento. Quando si entra nell'abbazia, la sua atmosfera solenne e severa vi riporterà indietro nel tempo fino al Medioevo e all'austero mondo monastico. Proseguimento per Montalcino incantevole borgo medievale, quasi fiabesco, circondato da una possente cinta muraria e dominato da un antico castello di autentica perfezione architettonica. E’ una bellissima città storica immersa nello splendido paesaggio del Parco Naturale della Val d’Orcia e rinomata in tutto il mondo per la straordinaria produzione del prezioso Brunello di Montalcino. Sosta per pranzo - light lunch a buffet - in una azienda con visita delle cantine. A seguire visita di San Quirico d’Orcia nel cuore della Val d’Orcia, borgo antichissimo di probabile origine etrusca, immerso in un paesaggio fatto di oliveti, vigneti e boschi di querce. Visita alla Collegiata dei Santi Quirico e Giuditta e proseguimento del viaggio verso Pienza con visita e degustazione ad una azienda legata alla tradizione del “Cacio di Pienza” oltre alla visita del centro della città rinascimentale per eccellenza. Il suo figlio più illustre Enea Silvio Piccolomini, futuro Papa Pio II, la fece costruire come città ideale ispirata ai valori umanistici di razionalità ed equilibrio. La raffinata Piazza Pio II fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Rientro in hotel in serata, cena e pernottamento.


3° giorno – BAGNO VIGNONI - ABBAZIA DI MONTE OLIVETO

Prima colazione in hotel e partenza per Bagno Vignoni, piccolo e straordinario borgo che deve la sua fama alla piazza d’acqua alimentata da una sorgente. L’acqua che sgorga dalla fonte a 1000 metri di profondità, risale in superficie e viene raccolta nella piazza del paese. La temperatura dell’acqua crea straordinari effetti scenografici soprattutto d’inverno, quando entra in contatto con l’aria fredda. E poi tutto intorno, case in pietra, balconi fioriti, piazzette, botteghe di artisti e artigiani creano uno straordinario insieme architettonico che rende Bagno Vignoni uno dei borghi più belli al mondo. Proseguimento per l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, splendida abbazia fondata nel 1319 da tre nobili senesi che decisero di abbandonare lussi e ricchezze per ritirarsi in solitudine e vivere secondo la regola benedettina. Bernardo Tolomei, Patrizio Patrizi e Ambrogio Piccolomini scelsero, come luogo della loro nuova vita, un’angolo delle Crete Senesi caratterizzato da imponenti e scenografici calanchi, dove, oggi come ieri, pace e tranquillità regnano sovrane. L’Abbazia è ancora oggi abitata dai monaci olivetani, ed è possibile visitare la meravigliosa chiesa, il grande chiostro con il celeberrimo ciclo affrescato con le storie di San Benedetto (XV-XVI secolo, iniziato da Luca Signorelli e portato a termine da Antonio Bazzi detto il Sodoma), la preziosa farmacia, la ricca biblioteca, il refettorio e un sorprendente, piccolo museo. Pranzo in ristorante riservato. Dopo il pranzo partenza per il rientro con arrivo previsto in serata.


(pga-04092020-001)




Quotazione su richiesta

Richiedi Informazioni

Messaggio inoltrato con successo!
Grazie per averci contattato.

Proposte Adulti

Vedi tutte le proposte